Nel 2015 Tupende Pamoja inizia il suo cammino a sostegno della popolazione keniota.

Fin dal primo viaggio in Africa abbiamo conosciuto le criticità del territorio, i bisogni della sua gente, la realtà sociale in cui operare. Da sempre il nostro operato è finalizzato al conseguimento dell’autonomia di sostentamento da parte delle popolazioni locali.

Le donazioni di vestiario e medicinali come primo passo per avvicinarsi alla gente del luogo, un primo messaggio di vicinanza e condivisione subito ripagato con fiducia ed impegno nel collaborare al nostro fianco per il bene collettivo. 

Nel distretto di Mbaraka Chembe abbiamo realizzato il nostro primo progetto idrico con la costruzione di un pozzo, opera essenziale per il successivo step: la coltivazione e la raccolta di verdure nei terreni limitrofi.

Acqua e sostentamento, prima tappa di crescita del nostro progetto volto ad aiutare e responsabilizzare la popolazione.

Nel 2016 l’operato di Tupende Pamoja porta risultati eccellenti come la realizzazione della Mama Rossana School, per dare accoglienza ed istruzione ai bambini nel territorio di Timboni - Watamu, specie a quelli impossibilitati a studiare per motivi economici.

Un ulteriore risultato positivo è stato ottenuto con la realizzazione di un allevamento di polli (circa 300 unità):

i pulcini acquistati sono stati fatti crescere per poi essere venduti nei mercati del territorio, procurandosi fondi per l’acquisto di nuovi pulcini e la promozione di nuovi progetti benefici.

Inoltre abbiamo consegnato 627 vestitini interamente cuciti in Italia. Grazie all’aiuto di numerose famiglie italiane che li hanno confezionati e donati, Tupende Pamoja ha donato un sorriso ai bambini di Chembe, Jacaranda e Timboni.

Nello stesso periodo abbiamo recapitato al medico proprietario della clinica di Watamu una donazione di 1000 euro in medicinali, frutto anche questo della solidarietà dei nostri sostenitori italiani.

Il gran lavoro fatto nel 2016 trova continuità nell’anno successivo pur andando incontro alle difficoltà del dover insegnare alla gente del posto ad operare in piena autonomia.

La scuola ha meno di un anno di vita e tentenna ad operare come avevamo previsto: le maestre non riescono a far acquisire al progetto scolastico un’autonomia economica in grado di autofinanziarsi nei tempi a venire.

Tupende Pamoja ha investito nuove risorse per il pagamento del personale scolastico e del terreno affittato per la costruzione della struttura, per il sostentamento e le cure mediche degli alunni, per le divise scolastiche ed il materiale didattico.

Sempre in ambito scolastico siamo stati impegnati nell’organizzazione di prove didattiche trimestrali e incontri coi genitori per renderli partecipi della vita scolastica dei loro bambini. Per noi cose banali e scontate, novità assoluta invece per quella comunità abbandonata a sé stessa.

Le enormi difficoltà riscontrate non ci hanno fatto però desistere dal nostro intento. Gli occhi pieni di gratitudine e gioia dei nostri bambini ci hanno nuova linfa e ci hanno incoraggiato a proseguire sulla nostra strada.

Nel 2018 abbiamo dato nuova forma al nostro progetto decidendo di conoscere meglio il popolo che volevamo aiutare.

Ci siamo recati in ogni singola capanna del luogo per conoscere meglio la storia dei nostri bambini, compiendo al tempo stesso un censimento che ci permettesse di mettere per iscritto, con assoluta precisione, nomi e date di nascita dei nostri scolari.

Abbiamo parlato coi loro genitori, conosciuto le loro storie personali e le loro condizioni familiari.

Questo ci ha anche permesso di dare vita al nuovo progetto delle adozioni a distanza, presentando ai nostri sostenitori, in maniera approfondita, i bambini e la realtà personale in cui vivono.

Nuovi investimenti sono stati fatti per migliorare la struttura scolastica: sistemazione pavimenti, tetto in makuti, servizi igienici con fossa biologica e disinfestazioni di edificio e terreno circostante.

Per quanto riguarda la didattica, abbiamo affidato l’istruzione dei nostri bambini a nuovi insegnanti, dopo numerosi incontri fatti per illustrargli e fargli comprendere appieno il nostro progetto.

La gestione della struttura e l’andamento scolastico hanno giovato fin da subito di queste migliorie anche se Tupende Pamoja finanzia ancora interamente il progetto provvedendo alle rette degli scolari, al canone d’affitto del terreno, ai salari del personale scolastico, al vestiario ed al materiale scolastico e didattico, ai prodotti per l’igiene e per le cure mediche oltre che ai vari prodotti di consumo come ad esempio la legna per il fuoco delle cucine.

Inoltre, grazie alle famiglie italiane che ci sostengono con le loro donazioni ed alla dottoressa del luogo che ha preso a cuore il nostro operato, i nostri bambini vengono visitati regolarmente in una clinica privata di Timboni.

Sempre nel 2018 abbiamo effettuato un importante intervento medico per curare i bambini colpiti da una grave infezione causata da funza (piccolissima pulce, di circa 1 mm, che vive nei terreni sabbiosi) che, dopo penetrazione della cute dei piedi, attacca la carne degli arti, col rischio di espansione anche nel resto del corpo.

Le migliorie del 2018 portano ottimi risultati nel 2019: la scuola finalmente è autonoma e pienamente operativa in tutti i suoi aspetti.

Questo ci ha permesso di destinare le nostre risorse alla realizzazione della sala mensa della medesima struttura. Abbiamo realizzato la recinzione del terreno, ci siamo organizzati per la raccolta dell’acqua piovana e dotato la scuola di una cucina dove poter preparare i pasti per gli alunni.

Adesso il nostro progetto scuola è finalmente operativo a pieno regime, funzionale sia per l’aspetto educativo-didattico che per quello sanitario. 200 bambini frequentano ogni giorno col sorriso la nostra struttura studiando, mangiando e venendo assistiti in ambito medico-sanitario… e tutto gratuitamente.

Quest’anno stiamo vagliando il progetto di ampliamento della scuola: il percorso didattico richiede l’aggiunta di nuove aule (sesta, settima ed ottava classe) ed il proprietario del terreno ci ha concesso altro spazio per questo sviluppo.

Oltre a consolidare i capisaldi di partenza (istruzione, alimentazione e sanità) abbiamo inserito nuove materie e nuove discipline inusuali per quella realtà. Dopo le lezioni in aula della mattina, nel pomeriggio fanno educazione fisica, essenziale per lo sviluppo psico-motorio dei bambini.

Grazie alle donazioni a sostegno di Tupende Pamoja ed alle adozioni a distanza, una volta a settimana possiamo garantire pasti a base di carne e uova ai nostri scolari e la somministrazione di vitamine ogni mattina.

L’assistenza continua anche dopo l’orario scolastico, fino al calar del sole, quando ritornano alla cruda realtà delle loro capanne, ai problemi da cui gran parte del territorio keniota è investito.

Il confronto ed il dialogo con le famiglie è continuo, sempre volto a migliorare le condizioni degli abitanti e del territorio.

Un dialogo continuo anche con le scuole limitrofe consente di ai nostri bambini di fare nuove amicizie e di confrontarsi con realtà vicine alla loro. Le gare scolastiche di ginnastica ad esempio sono un ottimo strumento di promozione dell’espansività e del conoscere finalizzati a stringere nuovi rapporti sociali.

Purtroppo la pandemia che ha colpito su scala mondiale ha causato gravi ripercussioni anche sul nostro operato, con la chiusura della scuola ed i bambini lasciati a loro stessi nelle capanne dei loro villaggi. Grazie ai collaboratori di Tupende Pamoja sul territorio keniano riusciamo a mantenere, per quanto possibile, aperto il dialogo con tutti loro, tutti i giorni.

Riprenderemo al più presto il nostro cammino, un sentiero diventato nel corso degli anni strada da percorrere insieme ai nostri bambini, alle loro famiglie, ai nostri collaboratori ed ai nostri sostenitori italiani.

Grazie a quanti hanno reso possibile quanto fatto finora. Amando insieme possiamo continuare ancora a far molto.

Tupende Pamoja.

G U A R D A   L A   N O S T R A   G A L L E R Y